Luglio

24

Gio

Festival Como Città della Musica

INFERNO 2021. (Dante’s Hell)

ore 21:30

Info

25

Dom

26

Lun

27

Mar

28

Mer

29

Gio

Festival Como Città della Musica

Giovedì all'Opera

ore 18:30

Info

30

Ven

31

Sab

Agosto

01

Dom

02

Lun

03

Mar

Festival Como Città della Musica

L’ALFABETO DELLE EMOZIONI

ore 21:00

Info

04

Mer

Festival Como Città della Musica

BOOMERANG. Gli illusionisti della Danza

ore 21:00

Info

05

Gio

Festival Como Città della Musica

ALL NIGHT’S JAZZ

ore 21:00

Info

06

Ven

07

Sab

Festival Como Città della Musica

BLACK AIDA. Una Fiaba Africana

ore 17:00

Info

08

Dom

Festival Como Città della Musica

CANTI E INCANTI. DALLE ALPI AL MEDITERRANEO

ore 05:15

Info

09

Lun

Festival Como Città della Musica

Moni Ovadia in LAUDATO SI' 

ore 21:00

Info

10

Mar

Festival Como Città della Musica

Travels: suoni e suggestioni dal mondo

ore 21:00

Info

11

Mer

Festival Como Città della Musica

FELLINI. La dolce vita di Federico 

ore 21:00

Info

12

Gio

13

Ven

14

Sab

15

Dom

Festival Como Città della Musica

EXTRALISCIO in È BELLO PERDERSI - TOUR D’ITALIE

ore 21:00

Info

16

Lun

17

Mar

18

Mer

19

Gio

20

Ven

21

Sab

22

Dom

23

Lun

24

Mar

25

Mer

26

Gio

27

Ven

28

Sab

29

Dom

30

Lun

31

Mar

Settembre

01

Mer

02

Gio

03

Ven

04

Sab

05

Dom

06

Lun

07

Mar

08

Mer

09

Gio

10

Ven

11

Sab

12

Dom

13

Lun

14

Mar

15

Mer

16

Gio

17

Ven

18

Sab

19

Dom

20

Lun

21

Mar

22

Mer

23

Gio

24

Ven

SI GIOCA E SI CRESCE. OVVERO STORIA DI GILDA E RIGOLETTO

Domenica 11 Luglio

ore 11:15

Acquista i biglietti

Info

Parco Villa Olmo domenica, 11 luglio 2021 - ore 10.00 e 11.15

Opera per bambini da 0 a 3 anni


SI GIOCA E SI CRESCE
OVVERO STORIA DI GILDA E RIGOLETTO

Regia Eleonora Moro
Drammaturgia musicale Giorgio Martano
Attrice Sara Zanobbio
Fisarmonica Paolo Camporesi
Produzione AsLiCo
Opera baby - VI edizione


La musica ed il canto racconteranno la storia del cambiamento e della crescita dei due protagonisti del dramma di Verdi. Uno spazio circolare, una piazza, una strada affollata, un crocevia saranno teatro del Prima e del Dopo, di cosa accade quando un figlio sconvolge della vita della famiglia.


INFORMAZIONE DI SERVIZIO:
Il biglietto d'ingresso è valido per un nucleo familiare. Crea lo spazio per la tua famiglia, portando una coperta su cui potrete accomodarvi per assistere allo spettacolo.


NOTE DI REGIA

C’era una volta uno strano posto: si chiamava mondo. Pareva un castello, una specie di insieme delle nostre case, una strada grande, insomma, un posto con un grande via vai. Un posto pieno di gente, personaggi, incontri, feste, guerre, scherzi, mistero. Come una giostra in cui il tempo scorre senza che ce ne accorgiamo. In questa giostra è nascosto un fiore segreto. La nostra versione di Rigoletto vuole parlare della e alla nostra vita quotidiana, quella di una famiglia, di una comunità con tutti i suoi pregi e i suoi difetti.
La musica ed il canto racconteranno la storia del cambiamento e della crescita dei due protagonisti del dramma di Verdi. Uno spazio circolare, una piazza, una strada affollata, un crocevia saranno teatro del Prima e del Dopo, di cosa accade quando un figlio sconvolge la vita della famiglia. Rigoletto è per noi lo spunto per un racconto d’amore: come forza che muove il mondo, sconvolge le vite di chi lo incontra. Ed ecco che un padre crudele e beffardo, Rigoletto appunto, ama sua figlia, Gilda, con potente dolcezza, inimmaginabile ai più, a chi lo conosce solo per la sua “maschera” esteriore. L’amore è spesso tenuto segreto, come il vero volto sotto la maschera di un comico.
La nostra storia parla di questo fiore segreto, di come le cose cambino nel momento in cui qualcosa di nuovo accade in una ruota che ha sempre girato nello stesso modo. La storia ci fa conoscere come il seme di questo amore paterno germogli in Gilda, figlia che dalla dolcezza prende forza per iniziare la sua avventura d’amore, di scoperta, di vita fuori dal guscio, con le sue sofferenze ed i suoi momenti belli e anche spaventosi. Ad incontrarsi in questo spazio, cullati, esortati, contrastati dalla sublime musica di Verdi, attraverso travestimenti, inseguimenti e confessioni, tutti gli ingredienti dell’umanità: il riso, il pianto, il brutto, il bello, il bene, il male, il basso e l’alto. Uno spettacolo sull’Amore come contenitore capace di accogliere il diventare: per crescere ci si trasforma, si diventa tutto e poi niente, e poi ancora tutto. Si diventa anche musica, e si vola.