Luglio

07

Gio

Festival Como Città della Musica

Il guardiano e il buffone. Ossia Rigoletto (che ride e che piange)

ore 16:30

Info

Festival Como Città della Musica

Il guardiano e il buffone. Ossia Rigoletto (che ride e che piange)

ore 18:30

Info

08

Mer

Festival Como Città della Musica

HOPE Tramonto

ore 19:00

Info

Festival Como Città della Musica

HOPE Tramonto

ore 21:00

Info

09

Gio

Festival Como Città della Musica

Goodfaith Quartet

ore 21:00

Info

Festival Como Città della Musica

Goodfaith Quartet

ore 22:30

Info

10

Ven

Festival Como Città della Musica

Rigoletto. La compagnia di nuovo in viaggio - Villa Erba

ore 18:30

Info

Festival Como Città della Musica

Rigoletto. La compagnia di nuovo in viaggio - Villa Erba

ore 20:30

Info

11

Sab

Festival Como Città della Musica

Si gioca e si cresce ovvero la storia di Gilda e Rigoletto. Villa Erba

ore 16:30

Info

Festival Como Città della Musica

Si gioca e si cresce ovvero la storia di Gilda e Rigoletto. Villa Erba

ore 17:30

Info

Festival Como Città della Musica

L’incanto delle corde

ore 19:00

Info

Festival Como Città della Musica

L’incanto delle corde

ore 21:00

Info

12

Dom

Festival Como Città della Musica

Opera e sogno

ore 05:15

Info

Festival Como Città della Musica

Pour invoquer Pan

ore 19:00

Info

Festival Como Città della Musica

Pour invoquer Pan

ore 21:00

Info

13

Lun

14

Mar

15

Mer

16

Gio

17

Ven

18

Sab

19

Dom

20

Lun

21

Mar

22

Mer

23

Gio

24

Ven

25

Sab

26

Dom

27

Lun

28

Mar

29

Mer

30

Gio

31

Ven

Agosto

01

Sab

02

Dom

03

Lun

04

Mar

05

Mer

06

Gio

07

Ven

08

Sab

09

Dom

10

Lun

11

Mar

12

Mer

13

Gio

14

Ven

15

Sab

16

Dom

17

Lun

18

Mar

19

Mer

20

Gio

21

Ven

22

Sab

23

Dom

24

Lun

25

Mar

26

Mer

27

Gio

28

Ven

29

Sab

30

Dom

31

Lun

Settembre

01

Mar

02

Mer

03

Gio

04

Ven

05

Sab

06

Dom

07

Lun

Fame mia. Quasi una biografia

Giovedì 5 Marzo

ore 20:30

Acquista i biglietti

Info

PALCOSCENICO

giovedì, 5 marzo – ore 20.30

AVVISO AL PUBBLICO:

Secondo l’ordinanza firmata dal Presidente Attilio Fontana, in accordo con il Ministro della Salute Roberto Speranza, valida per tutto il territorio lombardo, anche il Teatro Sociale di Como ha dovuto sospendere tutte le attività dal 23 febbraio fino all’8 marzo. In questi giorni la Direzione del Teatro ha lavorato per una riprogrammazione degli appuntamenti sospesi della scorsa settimana, con l’obiettivo di soddisfare il più possibile gli spettatori, dando loro la possibilità di non perdere gli spettacoli scelti, ma anche le compagnie e gli artisti stessi, desiderosi di andare in scena in un Teatro come il nostro, soprattutto in un momento critico come questo.Gli appuntamenti di questa settimana, tra i quali Fame mia, in calendario giovedì 5 marzo, sono al momento sospesi; al più presto verrà data comunicazione su un’eventuale riprogrammazione. La biglietteria del Teatro Sociale resterà chiusa fino all’8 marzo.
Per informazioni e prenotazioni telefoniche si potrà contattare l’infoline al numero 031.270170 dal martedì al venerdì dalle ore 14.30 alle 16.30.

 

FAME MIA. Quasi una biografia

di Annagaia Marchioro e Gabriele Scotti

 

Regia              Serena Sinigaglia

Scene              Ilaria Ariemme

Costumi           Erika Carretta

Luci                 Roberta Faiolo

Produzione       Agidi

“Non si sa perchè alcuni nascano affamati ed altri sazi, è una lotteria. Io ho vinto il primo premio.” Amélie Nothomb, Biografia della Fame

Fame mia è uno spettacolo comico e poetico che parla di cioccolato e di desideri, di cibo e di ossessioni, di accettazione e di denutrizioni. È liberamente ispirato al romanzo Biografia della fame di Amélie Nothomb, di cui cita alcuni dei momenti più alti sfocandone i contorni, fino a farlo aderire a un’altra storia, quella dell’autrice attrice che la interpreta con la crudele ironia che caratterizza anche il linguaggio della Nothomb. Un percorso di formazione, dall'infanzia all'età adulta alla ricerca di sé, una strada piena di curve e di salite ma anche di prati su cui riposare. Dedicato a tutte quelle persone che non si sentono abbastanza belle, che non si sentono abbastanza amate, che non credono di bastarsi per essere felici. Uno spettacolo un po' per tutti: chi è senza peccato, scagli la prima pietra.

Lo studio dello spettacolo è stato riconosciuto vincitore del premio “L’Alba che verrà” 2016 e del Premio “Giovani Realtà del Teatro” 2015 dell'Accademia d'Arte Drammatica Nico Pepe di Udine.

"La storia di una donna che aveva fame, che aveva così tanta fame, da smettere di mangiare. Quella donna ero io ed era anche Amélie Nothomb, e i tanti Giada, Marika, Riccardo e altri infiniti nomi. La fame è un paesaggio che ci accomuna tutti. Belli, brutti, storti, compiuti o incompiuti. La fame è un sentimento universale. La fame, ovviamente, non è solo di cibo, ma di amore, di vita, di storie, di riconoscimento".

Fame mia è uno spettacolo comico e poetico che parla di cioccolato e di desideri, di cibo e di ossessioni, di accettazione e di denutrizioni. E’ liberamente ispirato al romanzo di Amélie Nothomb, di cui cita alcuni dei momenti più alti sfocandone i contorni, fino a farlo aderire a un’altra storia, quella dell’autrice attrice che la interpreta con la crudele ironia che caratterizza anche il linguaggio della Nothomb. Un percorso di formazione, dall'infanzia all'età adulta alla ricerca di sé, una strada piena di curve e di salite ma anche di prati su cui riposare. 

"Sono sempre stata convinta che un monologo, per avere senso, debba essere profondamente aderente all’attore che lo recita. Scritto da lui o scritto su di lui, non importa, ciò che importa è che l’attore sia il vero autore. Una messa in gioco rischiosa e coraggiosa, un darsi totalmente, un banco di prova. Io sostengo, aiuto, proteggo, valorizzo, faccio del mio meglio perchè l’attore superi la prova. Più che regista mi sento un compagno, un amico, un fratello al suo fianco. Annagaia, con l’aiuto prezioso di Gabriele Scotti, scrive la sua storia di “affamata”. Ci racconta momenti comici, esilaranti e altri struggenti e drammatici. Vedremo l’infanzia felice e bulimica, la distruzione psichica e fisica dell’adolescenza, gli anni dell’anoressia e infine la guarigione, un nuovo equilibrio, precario e sbilenco, ma pur sempre equilibrio. “Picà a un ciodo, ma qua” , ripete spesso la sua nonna, “ Attaccata ad un chiodo ma qua”." (dalle note di regia di Serena Sinigaglia)

Prosa off Ctl

SPECIALE AFTER-SHOW RISERVATO AI POSSESSORI DELLA CARTA GIOVANI UNDER 30

Date e Prezzi

Gallery

Cast

con Annagaia Marchioro

Non perdere nemmeno un appuntamento del
Teatro Sociale di Como!

Per restare sempre aggiornato su tutte le novità e per poterci inviare richieste su spettacoli e biglietti, iscriviti a 'FiloDiretto'