Giugno

02

Gio

03

Mer

04

Gio

05

Ven

06

Sab

07

Dom

08

Lun

09

Mar

10

Mer

11

Gio

12

Ven

13

Sab

14

Dom

15

Lun

16

Mar

17

Mer

18

Gio

19

Ven

20

Sab

21

Dom

22

Lun

23

Mar

24

Mer

25

Gio

26

Ven

27

Sab

28

Dom

29

Lun

30

Mar

Luglio

01

Mer

02

Gio

03

Ven

04

Sab

05

Dom

06

Lun

07

Mar

08

Mer

09

Gio

10

Ven

11

Sab

12

Dom

13

Lun

14

Mar

15

Mer

16

Gio

17

Ven

18

Sab

19

Dom

20

Lun

21

Mar

22

Mer

23

Gio

24

Ven

25

Sab

26

Dom

27

Lun

28

Mar

29

Mer

30

Gio

31

Ven

Agosto

01

Sab

02

Dom

Per Elisa

CONCERTO SOSPESO

Sabato 28 Marzo

ore 20:30

Acquista i biglietti

Info

TEATRO SOCIALE DI COMO

Sabato 28 marzo – ore 20.30

PER ELISA

AVVISO AL PUBBLICO: 

Si comunica che in ottemperanza al decreto del 4 marzo 2020, valido su tutto il territorio nazionale, che prevede la sospensione di manifestazioni, eventi, spettacoli di qualsiasi natura, ivi inclusi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza, per il contenimento del diffondersi del virus Covid–19, tutte le attività e gli spettacoli previsti al Teatro Sociale di Como AsLiCo sono sospesi fino al 3 aprile 2020.

Per chiunque sia in possesso di titoli di ingresso per gli spettacoli sospesi, a breve verranno diffuse tutte le informazioni utiliPur essendo la biglietteria momentaneamente chiusa al pubblico, si potrà contattare l’infoline al numero 031.270170 dal martedì al venerdì dalle ore 14.30 alle 16.30.

Si prega di consultare tutti i canali ufficiali della Teatro Sociale di Como AsLiCo, sito web www.teatrosocialecomo.it e social network, costantemente aggiornati.
Il Teatro e gli Artisti stanno lavorando per poter riprogrammare molte delle date ad oggi sospese.

Il Teatro Sociale di Como AsLiCo ringrazia gli Artisti e gli Spettatori per l’affetto, in attesa che le attività riprendano presto ed il Teatro torni ad essere un luogo di festa, di musica, di arte, di emozioni

 

 

 

testo a cura di AidaStudio

Un anniversario importante, quello dei 250 anni dalla nascita di Ludwig van Beethoven (1770 - 1827), uno spettacolo a ricordare colei che ispirò una bagatella in la minore, un breve brano per pianoforte, tra i più praticati dalle apprendiste pianiste; poche pagine, dedicate ad una musa ancora ignota (vi è chi è propenso a confermare Therese Malfatti, vi è chi ipotizza Elisabeth Rockel, chi invece non identifica la dedicataria in costoro). Voce recitante, violino e pianoforte dialogano in modo concitato e serrato per rendere avvincente la narrazione.

L’intenzione dello spettacolo a partire da Elisa è quella di indagare il ruolo delle donne e dell’amore nella vita di Beethoven. Tutti sanno quanto fosse difficile la personalità di Beethoven. Quanto dunque poteva essere ancora più complicato il suo rapporto con le donne? Beethoven non si sposò, malgrado si dichiarasse a molte donne, fu parecchio sfortunato e riuscì raramente a portare a buon fine le sue conquiste. I motivi erano diversi: alcune erano spaventate dal suo comportamento bizzarro, altre erano di rango nobiliare e dunque a lui inaccessibili, altre ancora erano già sposate.

Per comprendere meglio quanto per lui fosse importante l’amore verso un donna ci affideremo anche alle parole stesse del compositore. La “Lettera all’immortale amata” è un documento manoscritto, ritrovato in un mobiletto della sua stanza pochi giorni dopo la sua morte, datato tra il 6 e il 7 luglio 1812. Si tratta di tre lettere che Beethoven scrisse ad una donna che amava e che ricambiava il suo amore. Chi fosse questa donna è uno dei grandi misteri della sua vita. Due emeriti studiosi, Massin e Maynard Solomon, ipotizzano di identificare l'”amata immortale” con Joséphine von Brunsvik o Antonio Brentano, ma il piccolo ritratto ritrovato accanto al manoscritto non corrisponderebbe a nessuna delle due. Chi era dunque la misteriosa “immortale amata"...?

Concertistica

Beethoven Experience

In occasione del concerto dell'ORT di venerdì 13 marzo (ore 20.30) e di "Per Elisa" di sabato 28 marzo (ore 20.30), il Teatro Sociale di Como, in collaborazione con Sheraton Lake Como, propone un’experience dedicata alla pasticceria viennese all’epoca di Beethoven. Nell’anno in cui si ricordano i 250 anni dalla nascita di Beethoven (1770 - 1827), vissuto a Vienna, in Mölker Bastei, proprio nel periodo in cui venne inventata la famosa torta Sacher (creata da Franz Sacher, pasticcere di Metternich, per il Congresso di Vienna del 1814), intensa fu la competizione tra i pasticceri, soprattutto tra i Maîtres pâtissiers dell’Imperial Hotel, di Demel e di altre importanti pasticcerie, che contagiarono molti caffè viennesi, fucine di creatività; una tradizione che ancora oggi riporta la nostra immaginazione a Vienna. Presso il Ristorante Kitchen, si terrà un corso di pasticceria della durata di un’ora e mezza, con inizio alle ore 17.00.

Durata Corso di Pasticceria: 1 ora e mezza. Costo per persona: € 50,00. Inizio corso a partire dalle 17.00. Sede del Corso: Sheraton Lake Como Hotel, via per Cernobbio 41, 22100 Como, Per prenotazioni scrivere a: events@sheatonlakecomo.com 

Date e Prezzi

Cast

Voce recitante  Violante Placido

Violino            Davide Alogna

Pianoforte       Giuseppe Greco

Non perdere nemmeno un appuntamento del
Teatro Sociale di Como!

Per restare sempre aggiornato su tutte le novità e per poterci inviare richieste su spettacoli e biglietti, iscriviti a 'FiloDiretto'